Matteo 'Ndwr' Russo

...because there are no days without revolutions.
* Notizie* Lavori* Progetti   * Construct   * Tess   * Opengroups      * CCP      * SCP   * VES      * SS      * ES   * AS   * DMS      * TS   * TPL   * RVD   * CL      * libCGL      * libCSL      * libMixer      * libCTL      * libCIL      * libCVL   * RCGV   * RU1* Pensieri e Articoli* Macchine* Contatti

 

Radioattività ambientale
Zona: Venezia, Italia
Tipo: Radiazioni ionizzanti β/γ

 0.00%

Corrente: 0 μSv/h
Media annuale: 0.00 μSv/h
Accumulo annuale: 0.000 mSv

* Spazio   * Sistemi di lancio      * I razzi sonda      * Delta II      * Soyuz-U      * Soyuz      * Soyuz-FG      * Soyuz-2   * ACE      * Strumentazione         * MAG         * SWEPAM         * SIS         * EPAM      * Locazione   * SOHO      * Antenne HGA/LGA      * Strumentazione         * EIT            * CCD         * LASCO         * MDI   * STEREO      * Strumentazione   * AMS-01   * AMS-02      * Strumentazione      * Materia oscura   * EOS AM-1      * Strumentazione         * MODIS
 
http://ndwr.net --> Spazio --> SOHO --> Antenne HGA/LGA
 

SOHO, Antenne HGA/LGA

Al fine di ottenere un buon segnale, l'antenna ad alto guadagno (HGA) di SOHO deve essere puntata correttamente dato che la navicella attraversa la sua orbita fortemente ellittica intorno al punto lagrangiano L1, a circa 1,5 milioni di chilometri dalla terra. Nel mese di maggio 2003, l'HGA ha iniziato a riportare problemi nel meccanismo di puntamento est-ovest, innescando un'azione di sicurezza a bordo del veicolo spaziale che ha portato all'utilizzo della sua antenna omnidirezionale a basso guadagno (LGA).
Questa configurazione, che consente di trasmette un segnale molto più debole verso la terra, è utile al solo scopo di trasmettere dati a bassa velocità, sufficiente per il monitoraggio del veicolo, ma non per la trasmissione di dati a scopo scientifico.
Considerato il problema tecnico l'antenna è stata parcheggiata in una posizione utile a il tempo di ricezione dei dati, durante il tragitto della sonda attorno al punto L1.

Quando SOHO è circa alla metà della sua orbita non c'è possibilità che punti verso il sole puntando contemporaneamente HGA verso la terra. Per questo motivo SOHO ha dei periodi in cui non può trasmettere tramite HGA, detti "keyhole", i quali si verificano due volte per ogni orbita. Ogni orbita intorno a L1 ha una durata di circa 6 mesi, quindi ogni 3 mesi circa risulta impossibile ricevere dati scientifici per almeno 1 settimana. Durante questo tempo si procede a manutenzioni programmate, come per esempio la procedura di "bakeout" del CCD di EIT.

Per esempio verso la fine di giugno 2003, quando il primo "keyhole" si avvicinò, la strumentazione iniziò a spegnersi per prepararsi ad una modalità di basso consumo, utilizzando solo l'antenna LGA per l'invio di dati tecnici a bassa velocità.

Utilizzando parabole di 34 metri, invece di quelle da 26 metri, si è scoperto che risulta possibile ricevere circa 1 giorno in più di dati prima e dopo il verificarsi di "keyhole".

Normalmente, durante i normali collegamenti in HGA tra SOHO e le stazioni terrestri, la sonda invia un determinato tipo di dati in tempo reale, detti ad alta velocità, con una larghezza di banda che si aggira sui 200 Kib/s.
I dati raccolti quando la sonda non risulta in collegamento con una base terrestre, sono detti a media velocità, e vengono registrati su di un supporto interno alla sonda, per una capacità massima di 16 ore. Appena effettuato un nuovo collegamento eventuali dati a media velocità vengono inviati e la memoria di conseguenza svuotata, per tornare ad inviare i dati ad alta velocità.

Le rete DSN (Deep Space Network) possieda anche parabole da 70 metri, capaci di ricevere i dati ad alta velocità dal segnale LGA; grazie a queste durante i "keyhole" si ha solo una leggera variazione della larghezza di banda, senza considerevoli perdite di continuità nella ricezione dei dati.